Direttore didattico e vibrafonista: l’intervista all’autore di Love Secret

Il Jazz italiano ha un volto e un nome: il vibrafonista Pierpaolo Bisogno. Musicista e direttore didattico del Giffoni Jazz Festival, Pierpaolo ha da poco pubblicato la sua prima opera discografica, Love Secret. Nove brani dal carattere swing, a tratti latin e con guizzi tribali.

Dagli studi di Emme Record Label, l’etichetta discografica che ha accolto l’opera di Bisogno, il vibrafonista incarna il jazz italiano. Ad accompagnarlo è una formazione di tutto rispetto. Il grande pianista Pietro Lussu, il batterista Marcello Di Leonardo e la nuova leva tra i contrabbassisti jazz Francesco Galatro.

Un album entusiasmante che vi racconteremo fra poco con le nostre parole e con quelle dello stesso vibrafonista.

Love Secret: il Jazz Italiano al Borgo di Terravecchia

Pierpaolo Bisogno vibrafonista Jazz

Il primo giorno del Giffoni Jazz Festival 2019 è un incontro di emozioni e di musicisti del jazz italiano. Tra quelli che calcano il palco del festival ci sono i componenti del Pierpaolo Bisogno Quartet con musica inedita. Parliamo dell’opera discografica dell’omonimo leader del gruppo, nonché direttore didattico del Jazz Festival.

Il progetto è composto da nove brani, di cui sette inediti. I rimanenti due sono brani d’autore, uno Bill Evans (Laurie) e uno del brasiliano Luiz Eça (The Dolphin). Si tratta di brani che rappresentano a pieno l’estro creativo del vibrafonista salernitano ed esplodono in diversi punti del flusso creativo.

Infatti, ad aprire le danze è Night Race, una melodia onirica, come definita dalla stessa etichetta discografica. E a chiudere scopriamo l’omaggio di Bisogno a tutta la musica afro, un intreccio di percussioni e melodie ipnotiche: Mood Africa. Love Secret è sicuramente un album da non perdere nel panorama contemporaneo del jazz italiano.

Ce lo racconta lo stesso autore intervistato da Valeria Saggese durante la prima giornata del Giffoni Jazz Festival 2019. Seguiteci.

Intervista a Pierpaolo Bisogno dai microfoni di Radio Castelluccio

Questa sera, sempre dal meraviglioso Borgo Medievale Di Terravecchia, Pierpaolo Bisogno si esibirà col suo nuovo progetto. Pierpaolo, cosa ci racconti?

Buonasera, siamo in questo posto bellissimo, in questo nuovo festival, pieno di iniziative e tanta musica. Qui porto il mio nuovo album, la presentazione del mio nuovo disco: Love Secret. È un’opera che omaggia un po’ tutta la musica afroamericana. Abbraccia l’Africa e, perché no?, c’è anche un bel tocco di Mediterraneo, giusto per ricordare le nostre radici italiane.

Pierpaolo, parliamo del tuo ultimo album uscito da pochissimo. Raccontiamo chi sono i musicisti che ti affiancano.

I musicisti che mi affiancano sono vecchi amici storici, ma anche nuove leve. Al pianoforte Pietro Lussu, alla batteria Marcello Di Leonardo e al contrabbasso l’astro nascente del jazz italiano Francesco Galatro, io al vibrafono. E poi ci sono un paio di ospiti: Rocco Zifarelli alla chitarra e Alfonso Deidda al flauto. Questa sera, inoltre, suonerà insieme a noi Gerardo Palumbo, con le sue percussioni artigianali Tambor.

La musica è davvero tanta e non ci resta che invitarvi al prossimo appuntamento con il jazz italiano al Borgo Medievale di Terravecchia!

Guarda le foto della prima serata.

GJF2019 - Day 1