Il secondo giorno del Giffoni Jazz Festival 2019 si sta rivelando carico di progetti e musica dal vivo. Questa è la volta del quartetto jazz di Domenico Andria, che attraversa volentieri molteplici generi musicali.

Come vedremo nell’intervista a Domenico Andria, il suo quartetto jazz percorre strade che si intrecciano e si fondono insieme. Grazie anche agli altri grandi musicisti che lo accompagnano.

Infatti, il progetto è costituito da Andria al basso elettrico, Federico Milone ai sassofoni, Alessio Busanca al piano, Carlo Salentino alla batteria.

Ma adesso vediamo insieme le parole del bassista ai microfoni di Radio Castelluccio in un’intervista di Valeria Saggese.

GJF2019 - Day 2

Intervista a Domenico Andria: il bassista eclettico

V: Se c’è un bassista amato dal pubblico ma anche dagli addetti ai lavori, quello è Domenico Andria. E perché? Perché è un bassista eclettico che spazia dal jazz al rock, al fusion. Buonasera!

D: Buonasera a te Valeria, buonasera a tutti. È bello essere qui: io sono felice di essere nel mio paese. Sapere che è stato organizzato un Jazz Festival è fantastico e suonarci lo è ancora di più.

V: Domenico, tu sei un bassista anche un po’ geniale, perché sei un compositore e ti piace spaziare attraverso i generi. Quindi, non sei solamente un bassista jazz, anche se hai lavorato nell’Orchestra Jazz di Salerno. Infatti, hai alle spalle tantissime collaborazioni internazionali. Ricordiamone qualcuna.

D: Eh, ho vergogna!

V: Allora, noi salernitani siamo orgogliosi di avere grandi musicisti della scuola jazzistica salernitana, che è conosciuta in tutta Italia e in tutta Europa. E voi più bravi siete sempre i più umili. Allora lo dico io: Sarah Jane Morris, Bob Mintzer…

D: Sì, ho avuto la fortuna di suonare con dei nomi illustri, nomi enormi oserei dire ed è stata un’emozione fortissima…E, invece, riprendendo il discorso che facevi prima, quello sul suonare vari generi musicali, mi viene unicamente dal fatto che ho sempre ascoltato tanta musica diversa, da quando avevo 10 anni. Ho ascoltato punk, rock, musica classica, jazz, pop, di tutto. Quindi, trovi il bello in ogni genere musicale. È un peccato suonare o indirizzare la tua musica solo in un canale. Il giorno in cui Gigi D’Alessio farà un bel pezzo lo suonerò!

Il Quartetto Jazz di Andria al Borgo di Terravecchia

GJF2019 - Day 2

V: Il festival ha un po’ di matrice europea, anche se siamo in un Borgo Medievale, tra l’altro bellissimo, quello di Terravecchia a Giffoni Valle Piana. Un borgo valorizzato dalla musica, dai concerti che si susseguono per tre giorni, quindi davvero molto interessante. E stasera con il tuo quartetto jazz cosa ci proponi?

D: Stasera faremo un piccolo concerto, brani di mia composizione. La matrice è molto funk, quindi ritmiche abbastanza consistenti. Però c’è anche tanto jazz, perché c’è molta improvvisazione armonia e spero che piaccia.

V: Grazie Domenico Andria!

GJF2019 - Day 2